Uncategorized

x le Muse della Rivolta del 14 dicembre

So’ x voi ‘ste parole, Muse della Rivolta
x averci insegnato ad amare, x averci insegnato ad odiare,
x averci mostrato ke è possibile fargliela pagare.

So’ x voi ‘ste parole, x le vostre piccole mani
dolci e delicate, abituate ad accarezzare,
x le vostre mani ke non sapevano pikkiare.

Cazzo se erano grandi quei sassi,
quasi non ce la facevate a tenerli…
e ke gioia ke gioia lanciarli!

Il terrore è negli okki di ki ci vuol male
del servo infame addestrato x ammazzare.
Ma sta volta trema il vigliacco, non ci siam fatti fermare.

Perkè si può rimanere gravidi di tanto amore.
Un seme ribelle danza in seno
La Rivoluzione è un vulcano ormai pieno.

Perké io dopo il 14 dicembre non riesco più a vivere,
sono a casa solo, senza di voi, senza di noi, disadattato,
Vi penso e non vi trovo. A lezione. A lavoro.

Come si fa a tornare a farsi sfruttare?
come cazzo si fa a continuare a lavorare!
Torniamo in piazza, facciamogliela pagare!

La Rivolta è poesia
Saviano non può capire
Ki bazzica i giudici finisce per imputridire

Anonimo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...